fbpx

Come effettuare la comunicazione del Titolare effettivo

La pratica al Registro delle Imprese in via telematica
Circolare BFA22.038
Rif. D.Lgs. n. 90 del 25 maggio 2017

Con la pubblicazione dei decreti attuativi, a breve, sarà obbligatoria la comunicazione del Titolare Effettivo in via telematica al registro delle imprese. La pratica riguarda le imprese con personalità giuridica, persone giuridiche private, Trust e istituti giuridici affini al Trust.

Ma chi è questa figura e quale la sua funzione?

In articolati sistemi societari è frequente il nascondersi di attività sospette. È diventato allora cruciale individuare il titolare effettivo di un’impresa, non solo in vista di rapporti commerciali con aziende nuove, ma anche in ambito antiriciclaggio per prevenire possibili rischi di frode.

Secondo il D.Lgs. n. 90 del 25 maggio 2017  il Titolare Effettivo è la persona fisica che realizza un’operazione o un’attività oppure, nel caso di entità giuridica, chi come persona fisica la possiede o controlla o ne è beneficiaria.

Definizione e Comunicaizione

Come sopra riportato il Titolare Effettivo è la persona fisica che realizza un’operazione o un’attività oppure, nel caso di entità giuridica, chi come persona fisica, in ultima istanza, la possiede o controlla o ne è beneficiaria.

È una figura di trasparenza antiriciclaggio: è frequente, infatti, il riciclaggio di denaro da parte di imprese di copertura che, nascondendo il loro vero titolare, rendono complesso individuare il beneficiario degli introiti.

 

1) Titolare Effettivo di società

È la persona fisica (o le persone fisiche) che detiene almeno una delle seguenti condizioni:

– la proprietà diretta, con la titolarità di una partecipazione superiore al 25% del capitale;

– la proprietà indiretta, se la stessa titolarità è detenuta tramite società controllate, società fiduciarie o interposta persona.

In assenza di queste condizioni, il Titolare Effettivo è individuato considerando nell’ordine questi requisiti:

– il controllo di un numero maggioritario o comunque dominante di voti nell’assemblea ordinaria dei soci;

– l’esistenza di particolari vincoli contrattuali che consentono di esercitare un’influenza dominante.

Se anche con questi criteri l’attribuzione non è possibile, il Titolare Effettivo è la persona fisica (o le persone fisiche) con poteri di amministrazione o direzione.

 

2) Titolare Effettivo di persone giuridiche private

È la persona fisica (o le persone fisiche) che ricopre almeno uno dei seguenti ruoli:

– fondatore, se in vita

– beneficiario

– titolare di funzioni di rappresentanza legale, direzione e amministrazione

 

3) Titolare Effettivo di Trust e istituti giuridici affini

È la persona fisica che ricopre uno dei seguenti ruoli:

– costituente

– fiduciario

– guardiano

– beneficiario

– soggetto che controlla il Trust o i beni conferiti nel Trust con proprietà diretta o indiretta o altri mezzi.

Comunicazione

Il Titolare Effettivo si comunica solo per via telematica. L’istanza deve essere firmata digitalmente e inviata:

– da almeno un amministratore dell’impresa, senza possibilità di deleghe o procure;

– dal fondatore o dai soggetti con la rappresentanza e l’amministrazione delle persone giuridiche private;

– dal fiduciario, nel caso dei Trust.

Per farlo si può sottoscrivere la pratica con ID InfoCamere, la Firma Digitale garantita dalle Camere di Commercio d’Italia, dotata di CNS Carta Nazionale dei Servizi – l’Identità Digitale che consente di identificare univocamente il soggetto titolare.

Termini di scadenza - Conferme - Modifiche

Il  MISE attesta l’operatività dei sistemi di comunicazione del Titolare Effettivo entro 60 giorni dall’entrata in vigore del decreto interministeriale (del 9 giugno 2022). I soggetti interessati già esistenti hanno quindi 60 giorni di tempo per inviare la comunicazione.

Invece, i soggetti obbligati, costituiti dopo la pubblicazione, devono assolvere all’obbligo entro 30 giorni dall’iscrizione nei rispettivi registri oppure – per Trust e istituti giuridici affini – dalla loro costituzione.

La pratica deve essere inviata in formato telematico tramite la Comunicazione Unica all’ufficio del Registro delle Imprese della Camera di Commercio territorialmente competente.

I dati dichiarati sulla titolarità effettiva verranno conservati in due differenti sezioni del Registro Imprese:

– La sezione autonoma, con i dati e le informazioni sulla titolarità effettiva di imprese dotate di personalità giuridica e di persone giuridiche private;

– La sezione speciale, con i dati dei Trust e degli istituti giuridici affini.

 

Conferme e modifiche

 

Il Titolare Effettivo deve essere confermato periodicamente entro 12 mesi dalla:

– prima comunicazione

– ultima conferma

– modifica più recente, da comunicare entro e non oltre 30 giorni dall’atto che l’ha originata.

La conferma può anche essere contestuale al deposito del bilancio.

Possibili sanzioni

Se il Titolare Effettivo non viene comunicato entro il termine previsto, la Camera di Commercio territorialmente competente deve contestare la violazione.

La mancata comunicazione entro la scadenza prevista implica la violazione di un obbligo di legge.

La sanzione, secondo l’articolo 2630 del Codice civile, potrà variare da un minimo di 103 euro fino a un massimo di 1.032 euro, che si riducono a un terzo se la comunicazione è effettuata entro 30 giorni dalla scadenza iniziale.

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo
28 Settembre 2022
||